Il sistema museale cittadino è costituito dal Parco Archeologico di Monte Sirai, dal Museo Archeologico “Villa Sulcis”, dal museo paleontologico PAS Paleoambienti Sulcitani “E.A.Martel” e dal Parco Archeologico di Cannas di Sotto.

 

 

Monte SiraiIl Parco Archeologico di Monte Sirai è situato a 3 Km a nord di Carbonia e raggiungibile agevolmente mediante strada asfaltata. Il pianoro fu abitato sin dal periodo Calcolitico (prima metà del III millennio a.C.) ma deve la sua importanza alla presenza di un insediamento fenicio e punico. L’insediamento attualmente visibile fu fondato intorno al 750 a.C. dai Fenici e conquistato nel VI sec. dai Cartaginesi, poi abitato insieme ai Sardi fino al 110 a.C. circa, quando venne abbandonato.
Il Parco di Monte Sirai si presenta articolato in vari settori, che danno la possibilità di visitare l’antica città secondo diversi percorsi: l'abitato, nel quale si possono ancora ben distinguere i quartieri, le piazze, le case (di notevole rilevanza sono la “casa Fantar” e la “Casa del lucernario di talco”); le strutture religiose, con il tempio interno alla città e il tophet, santuario riservato ai bambini morti in età perinatale; la necropoli fenicia ad incinerazione, costituita da fosse scavate nella terra o nella roccia, e la necropoli punica, che si compone di tredici tombe familiari a camera scavate nel sottosuolo roccioso.
La maggior parte dei reperti provenienti dagli scavi del sito sono esposti presso il Museo Archeologico “Villa Sulcis” di Carbonia.


Sito web: http://www.mediterraneacoop.it/172_Parco_Archeologico_Monte_Sirai.html
                 http://www.comune.carbonia.ci.it/urbiportal/content/it_IT/197.html

 

 

 

Il Museo Archeologico “Villa Sulcis” venne inaugurato nel 1988 nella villa che fu del direttore della Società delle Miniere e nacque principalmente grazie alla donazione di due collezioni private. Nella sua attuale sede raccoglie materiali datati fra il Neolitico Antico (VI millennio a.C. - 5548 secondo le analisi di laboratorio condotte sull'ossidiana) ed il periodo Bizantino (VI - VII sec. d.C.), provenienti da numerosi siti, in gran parte del territorio di Carbonia: il riparo sotto roccia di Su Carroppu (Sirri), le necropoli di Monte Crobu e di Cannas di Sotto, gli anfratti di Coderra; il villaggio preistorico di Barbusi;Museo Archeologico la grotta A.Ca.I.; il nuraghe Sirai; la grotta di BaccuArrus. Di particolare interesse sono i reperti del neolitico antico, alcuni corredi della necropoli a Domus de Janas di Locci Santus, numerosi reperti relativi alla civiltà nuragica, e soprattutto alla civiltà Fenicia e Punica provenienti da vari centri tra cui, in prevalenza, Monte Sirai. Quest’ultimo sito, grazie alle campagne di scavi effettuate, fornisce annualmente importanti lotti di nuovo materiale per le esposizioni. Sono infatti esposti diversi corredi funerari completi composti da forme ceramiche e gioielli, provenienti dalle necropoli ad incinerazione e ad inumazione del sito; inoltre, una parte del tophet (cimitero-santuario punico riservato ai bambini) con le sue urne cinerarie e le stele originali scolpite è stato ricostruito all'interno della sala.
I materiali esposti comprendono strumenti di uso quotidiano durante la preistoria, come le armi in pietra o il vasellame in ceramica, ma anche oggetti legati alle sepolture ed al rituale religioso delle culture Neolitiche (5500 - 2500 a.C. circa), delle età dei primi Metalli (2500 - 1800 a.C. circa) fino ad arrivare alle testimonianze dell'età Nuragica (1600 - 510 a.C.).


Sito web: http://www.mediterraneacoop.it/171_Museo_Archeologico_Villa_Sulcis.html
                 http://www.comune.carbonia.ci.it/urbiportal/content/it_IT/194.html

 

 

 

Museo PAS

Il Museo PAS Paleoambienti Sulcitani "E. A. Martel", fondato originariamente nel 1972 dal Gruppo Ricerche Speleologiche “E. A. Martel”, è divenuto museo civico nel 1996 grazie alla concessione in comodato d’uso delle collezioni del gruppo all’Amministrazione Comunale di Carbonia. Storicamente ospitato in centro città nella sede di via Campania, nel 2009 è stato trasferito e riallestito in nuovi ampi locali appositamente riconvertiti nel padiglione delle vecchie Officine della Grande Miniera di Serbariu.
Il tema centrale dell’esposizione allestita negli ambienti del piano terra del Museo dei Palaeo Ambienti Sulcitani “E.A. Martel”, si snoda attraverso quattro ampie sale espositive e riguarda i bioeventi ed i geoeventi registrati nelle rocce del sud-ovest della Sardegna, con particolare attenzione verso i fossili in esse conservati. Nel piano alto centrale è invece allestita la sezione dedicata alle paleobiodiversità, dove sono esposti reperti provenienti da differenti località mondiali, pur con frequenti riferimenti alla Sardegna, con una panoramica generale sugli organismi del passato documentata seguendo i criteri delle differenti classi tassonomiche. La parte centrale del piano terra ospita inoltre la sezione delle Estinzioni di Massa e Dinosauri con reperti fossili marini e continentali relativi al Mesozoico e la riproduzione a grandezza naturale dello scheletro di un T-rex.
La struttura è anche sede del Gruppo Ricerche Speleologiche “E.A. Martel” e ospita la Biblioteca “Ottavio Corona”.


Sito web: http://www.pasmartel.it/

 

 

 

Necropoli di Cannas di SottoIl Parco Archeologico di Cannas è costituito da una Necropoli composta da 26 grotticelle o domus de Janas realizzata su una collina di travertino in età neolitica (Neolitico finale dal 3300 a.C.). Sulla sommità del colle è posto il Medau "Sa Grutta" la cui costruzione risale presumibilmente all'inizio del 1800. Il Medau, sovrapposto alla Necropoli, è stato recentemente restaurato nell'ambito del grande progetto di bonifica del Rio Cannas.
La Necropoli di Cannas di Sotto documenta una continuità di vita che arriva fino ai giorni nostri. Le tombe furono utilizzate per scopi vari tra cui il ricovero di animali e altre attività quotidiane. Nel tempo furono riutilizzate, adattandole, come abitazioni o ripari. Ancora oggetto di scavo, in essa sono stati ritrovati reperti attualmente esposti nelle vetrine del Museo Villa Sulcis.


Sito web: http://www.mediterraneacoop.it/178_Parco_archeologico_di_Cannas_di_sotto.html
                 http://www.comune.carbonia.ci.it/urbiportal/content/it_IT/207.html

Condividi questo post

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su Twitter
Follow